dove lavoriamo
Etiopia: danzatori portano ritmo alla loro vita in esilio
Mai Aini, 20 luglio 2016 – Luwam godeva di grande fama nel suo paese. Appartenendo al corpo di ballo nazionale, ad Asmara in occasione delle festività nazionali danzava alla presenza di alti funzionari di governo e dei suoi concittadini, mietendo successi e conquistando riconoscimenti per il suo talento.
Segue >>>
   
Roma: l’Ufficio Internazionale del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati presenta il Rapporto annuale 2015
Roma, 8 luglio 2016 – Nel 2015, il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati ha riaffermato il proprio impegno nel settore dell'educazione con l'Iniziativa di Educazione Globale e il lancio della campagna Mercy in Motion. Lo scorso anno, il JRS ha prestato aiuto a 724.551 persone, di cui 141.333 hanno beneficiato di progetti educativi. Nel riconoscere che l'educazione è una soluzione concreta e durevole per la costruzione di comunità più forti, il JRS ha intenzione di accrescere questa cifra di altre 100.000 persone entro il 2020.
Segue >>>
   
Uganda: un rapper in ascesa appoggia un mondo più ospitale

Kampala, 8 luglio 2016 – Nel Congo, dove la musica è il cuore stesso del paese, Alino da ragazzo sognava di diventare un artista di hip hop. Come per tanti altri giovani, però, le esigenze di famiglia e le  aspettative di un lavoro più sicuro, lo avevano costretto ad accantonare questo sogno per dedicarsi con impegno a studi di indirizzo petrolchimico presso una prestigiosa università congolese. Mai avrebbe immaginato di diventare un famoso rapper proprio in esilio a Kampala, in Uganda.






Segue >>>
   
Giornata Mondiale del Rifugiato in Africa occidentale: si impara a ripartire dal nulla

Yaounde, 29 giugno 2016 - Nel 2003 è iniziato l'esodo dei rifugiati dalla Repubblica Centrafricana (CAR), in fuga verso il Camerun per sfuggire alle violenze in atto tra fazioni contrapposte che saccheggiavano e davano alle fiamme interi villaggi, e di pari passo rapivano e uccidevano migliaia di persone. In quel periodo, sono riparate nel Camerun approssimativamente 90.000 persone provenienti dalla CAR, che sono state accolte in circa 300 villaggi. La maggior parte di queste persone nella fuga aveva perduto tutto ciò che aveva.




Segue >>>
   
Giornata Mondiale del Rifugiato: Campagna
Bruxelles, 20 giugno 2016 – In questa Giornata Mondiale del Rifugiato si celebra il primo bimestre di attività della nostra campagna ‘I Get You’. In questo spazio di tempo ci avete raccontato le vostre storie, avete condiviso le vostre esperienze maturate nello svolgimento di attività a livello locale insieme ai rifugiati. La campagna 'I Get You' tocca il cuore stesso della Giornata Mondiale del Rifugiato, in quanto tratta di persone con origini e vite diverse tra di loro che imparano e si divertono insieme.
Segue >>>
   
Giornata Mondiale del Rifugiato in Africa Meridionale – a sostegno dell’educazione
Johannesburg, 23 giugno 2016 – Conflitti, guerre e persecuzioni costringono sempre più di frequente ad abbandonare le proprie case, con l’unico vestito che si indossa e sulle spalle quel poco che si può portare con sé nella fuga. Di fronte a questa grave situazione, il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS) Africa Meridionale fa in modo che nell'aiutare gli sfollati a ricostruirsi una vita, l’educazione rimanga un pilastro fondamentale, a riprova del fatto che l’educazione dà innegabilmente via libera alle potenzialità di ciascuno.
Segue >>>
   
Giornata mondiale del rifugiato Medio Oriente: oltre ogni previsione
Beirut, 22 giugno 2016 – Il conflitto siriano è
entrato ormai nel suo sesto anno. Stando a
 quanto
afferma l'agenzia delle NU per i rifugiati (UNHCR), oggi si contano 4,8 milioni
di siriani rifugiati all'estero, cui si aggiungono 6,5 milioni di sfollati
entro i confini della stessa Siria. Per la metà (52%) si tratta di minori. Tasnim,
otto anni, è una di loro. Attualmente vive con la famiglia in Libano.

Segue >>>
   
VIDEO: Giornata mondiale del rifugiato -- aprire le menti, liberare le potenzialità
Roma, 20 giugno 2016 – In quanto esseri umani, siamo in balìa della natura, dei governi, dei leader, delle guerre. Siamo in balìa di forze che sfuggono al nostro controllo; forze che hanno fatto sì che un numero senza precedenti di persone – 60 milioni di madri, padri, sorelle figli – siano fuggiti lasciando alle spalle le proprie case. Proviamo a immaginare l'intera popolazione d'Italia che si sposta, con camion, gommoni, treni, percorrendo sentieri a piedi, portando con sé bambini, coperte, indumenti; la maggior parte delle volte, niente di niente.
Segue >>>
   
Edizione speciale del JRS Europa per la Giornata Mondiale del Rifugiato:
Bruxelles, 17 giugno 2016 – In vista della Giornata Mondiale del Rifugiato 2016, il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati ha il piacere di presentare "Viaggi della speranza: storie di rifugiati in viaggio verso l’Europa", documentario in otto parti realizzato con la partecipazione di rifugiati in viaggio lungo i Balcani o attraverso il Mediterraneo centrale nel periodo gennaio-febbraio 2016.
Segue >>>
   
Giornata mondiale del rifugiato 2016
Roma, 15 giugno 2016 – In questa Giornata mondiale del rifugiato, il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS) si appella a tutti noi perché non ci si limiti a fornire ai rifugiati un posto sicuro in cui stare, ma a dare loro opportunità di crescita perché possano offrire il proprio contributo alla società. Proteggere davvero significa tenere al riparo da ogni male, che si tratti di povertà, di isolamento sociale, sfruttamento, pregiudizio, abbandono. Per questo motivo, quest'anno il JRS ha scelto come motto  Aprite la mente, liberate le potenzialità.
Segue >>>