dove lavoriamo
Francia: aprire le porte, allargare gli orizzonti, ampliare le menti
Parigi, 22 maggio 2017 – In coincidenza con l'elezione del nuovo Presidente francese, il direttore del JRS Francia, Antoine Paumard SJ, si volta indietro a guardare un anno ricco di nuove sfide, che ha però anche visto nascere la speranza che la società civile offra ai rifugiati una sempre maggiore collaborazione e ospitalità. 
Segue >>>
   
Angola: migliaia di rifugiati dalla RDC hanno urgente bisogno di assistenza
Dundo, 17 maggio 2017 – "La situazione qui è disperata, urgentissima. Migliaia di congolesi stanno scappando dalla Repubblica Democratica del Congo e cercano rifugio nel vicino Angola", riferisce Tim Smith, direttore regionale del JRS Africa Meridionale, al suo rientro dall'Angola nordorientale. 
Segue >>>
   
Sri Lanka: Un tributo agli anni di servizio
Colombo, 15 maggio 2017 - “Anche se era quasi paralizzato, padre Arrupe chiaramente voleva farmi una domanda, ma non riusciva a trovare le parole, così fratello Bandera, l’infermiere, gli portò carta e penna. Con la mano sinistra padre Arrupe disegnò tremante una mappa dell’India, poi l’isola accanto, a forma di goccia. Indicando l’isola mi chiedeva chiaramente: ‘Cosa sta facendo il JRS per aiutare le persone dello Sri Lanka?’”
Segue >>>
   
Iraq: accompagnando gli Yazidi
Erbil, 11 maggio 2017 – Il 19 aprile per gli Yazidi è stato Capodanno. Che gioia incontrare alcuni di loro a Sarsink, nel distretto iracheno di Dohuk proprio in quella data, salutarli con un "Jajna ta Piroz"! Ogni famiglia portava un vassoio con delle ciotole piene di dolcetti, uova sode dai gusci colorati, caramelle, frutta e, per non farsi mancare nulla, anche un pacchetto di sigarette.
Segue >>>
   
Malawi: Salama Africa valorizza i giovani rifugiati
Dzaleka, 5 maggio 2017 – Alain e Toussaint condividono con entusiasmo storie e risate mentre parlano di Salama Africa, un'organizzazione che hanno contribuito a fondare e che ha il fine di valorizzare i giovani del campo rifugiati di Dzaleka, nel Malawi. Hanno infatti dato vita a un gruppo di danzatori di fama nazionale, a squadre di calcio, e istituito diversi corsi di materie artistiche che contribuiscono a tenere impegnati sul piano intellettivo e fisico i bambini e i ragazzi rifugiati.
Segue >>>
   
Repubblica Centrafricana: grave preoccupazione per il deteriorarsi della situazione della sicurezza
Bangui, 3 maggio 2017 - A oltre quattro anni dal colpo di stato del 2013 e dalla nuova crisi che ha investito la Repubblica Centrafricana
Segue >>>
   
Iraq: determinata a costruirsi una nuova vita
Erbil, 02 maggio 2017 - Zozan ha una determinazione di acciaio. Nell’ascoltare questa donna di venticinque anni raccontare che nella vita le piacerebbe più di ogni altra cosa imparare le lingue e viaggiare in posti lontani, si intuisce che andrà lontano.
Segue >>>
   
Myanmar e Thailandia: tessere il futuro promuovendo la comprensione
Mae Hong Son, 27 Aprile 2017 - Il futuro non è mai una cosa semplice da gestire, soprattutto perché per la maggior parte di noi è un terreno ignoto. Da quando ho incontrato i rifugiati nei campi di Mae Hong Son lo avverto con chiarezza: ho visto i loro volti sconsolati e come fossero emotivamente demoralizzati quando li ho incontrati e ho parlato con loro.
Segue >>>
   
Libano: “Voglio che i bambini del mondo ascoltino la mia storia”
Baalbek, 24 aprile 2017 - Randa è una donna coraggiosa che non si è mai tirata indietro. Negli anni ha visto e vissuto fame e privazioni, bombardamenti e sofferenza, distruzione e morte. Eppure Randa non è il tipo di persona che si lascia abbattere: ha uno spirito combattivo. 
Segue >>>
   
Sud Sudan: una guerra senza senso
Maban, 20 aprile 2017 - Siamo sconvolti dalla piega presa di recente dagli eventi qui nel Sud Sudan. Dopo cinque lunghi decenni di conflitto con il Nord, nel 2011 il Sud Sudan è diventato indipendente. Poco dopo, nel dicembre del 2013, una guerra civile di ampia portata ha cominciato a minacciare l’esistenza stessa della più giovane nazione del mondo.
Segue >>>