Questo sito Web utilizza i seguenti tipi di cookies: di navigazione/sessione, analytics, di funzionalità e di terze parti. Facendo click su "Maggiori Informazioni" verrà visualizzata l'informativa estesa sui tipi di cookies utilizzati e sarà possibile scegliere se autorizzarli durante la navigazione sul sito.
MAGGIORI INFORMAZIONI
x

Dove lavoriamo
Grazie ai programmi del JRS, attivi in 51 paesi, viene fornita in tutto il mondo assistenza a oltre 730.000 persone. Alla prestazione dei servizi sovrintendono 10 Uffici regionali con il sostegno dell'Ufficio internazionale di Roma. Cliccando sulla mappa qui sotto troverete gli estremi per contattare i singoli Uffici regionali.

Return to world map
 Nepal
In un raro esempio di impegno internazionale per la protezione dei rifugiati, nel 2007 un gruppo di otto paesi industrializzati ha avviato il processo di reinsediamento di più di 100.000 rifugiati buthanesi che vivevano nel Nepal dal 1992. In più di 80.000 sono arrivati nei nuovi paesi e altri 20.000 sono stati segnalati per il reinsediamento dall'agenzia delle NU per i rifugiati. Il JRS rimarrà nei campi fino a quando il processo di reinsediamento non sarà completato e tutti gli altri rifugiati non avranno trovato soluzioni durevoli.

In risposta alla diffusa violenza contro i buthanesi di origine nepalese, all'inizio degli anni '90 decine di migliaia di persone hanno cominciato ad attraversa re il confine con l'India in cerca di protezione, e poi nel Nepal in cerca di asilo. Entro il 1991, un sesto della popolazione del Bhutan chiedeva asilo in India e nel Nepal e, sebbene siano stati numerosi i negoziati tra nepalesi e buthanesi, il rimpatrio è un'opzione remota.

Anche prima dell'istituzione dei campi rifugiati formali, i bambini frequentavano scuole ad hoc lungo le rive del fiume dove i rifugiati si erano insediati in un primo momento. Nel 1994, la Caritas Nepal ha cominciato a fornire materiali educativi, mentre il JRS organizzava gli aiuti di emergenza. Fin dall'inizio, le due organizzazioni hanno lavorato nello stesso ufficio, cooperando e studiando strategie su problematiche relative all'istruzione e al reinsediamento dei rifugiati.

JRS e Caritas lavorano insieme offrendo formazione insegnanti e professionale, istruzione per adulti e rifugiati disabili. Il personale del JRS visita inoltre i rifugiati e le loro famiglie per sottolineare l'importanza dell'istruzione.

Dal momento che la stragrande maggioranza dei rifugiati ha optato per il reinsediamento, il JRS ha raddoppiato i propri sforzi affinché l'istruzione che ricevono sia paragonabile a quella di America del Nord ed Europa, con la maggior parte dei corsi tenuti in inglese.

Istituito nel 1998, il programma di formazione professionale offre competenze pratiche – riparazioni meccaniche e tecnologiche, management alberghiero e cosmetologia, ad adulti che non hanno ricevuto un'istruzione formale o a chi ha lasciato la scuola prematuramente. 

Il JRS fornisce inoltre aiuti di emergenza, cure sanitarie e ricovero a rifugiati buthanesi in condizioni di vulnerabilità che si trovano nel Nepal. Gli aiuti di emergenza prevedono la distribuzione di generi alimentari e non, come materassi e coperte, abbigliamento invernale, sementi e attrezzi, sussidi economici per far fronte alle spese di trasporto. 

Il JRS beneficia in totale quasi 30.000 persone, tra cui 10.000 studenti in nove scuole formali, 8.000 in formazione professionale e 1.500 che frequentano l'asilo.


Asia Meridionale
Stan Fernandes SJ

southasia.director@jrs.net
+91 11 4310 4661; +91 11 4953 4106
http://jrssa.org

Il JRS Asia Meridionale è una delle 10 aree geografiche del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati, un'organizzazione internazionale cattolica promossa dalla Compagnia di Gesù. L'ufficio regionale in Asia Meridionale assiste rifugiati buthanesi in Nepal, rifugiati srilankesi nello Stato indiano del Tamilnadu e sfollati interni in Sri Lanka.  I servizi comprendono: istruzione, corsi di formazione, programmi economici, servizi sanitari, supporto psicologico, centri di riabilitazione, programmi di sviluppo per le comunità e assistenza nelle emergenze.


Nepal: i gesuiti rispondono al terremoto

Roma, Washington DC, 30 aprile 2015 – Il terremoto di magnitudo 7,8 che sabato scorso ha colpito il Nepal ha provocato la morte di più di 5.000 persone, 10.000 feriti, migliaia di senzatetto, e un numero imprecisato di persone isolate in villaggi lontani. Stando all'Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari delle NU, man mano che gli operatori umanitari e i gruppi di soccorso arriveranno nelle aree più remote vicine all'epicentro del sisma, le cifre sono destinate ad aumentare. >>>

Nepal: settantacinquemila rifugiati lasciano il campo in cerca di un futuro migliore

Nuova Delhi, 24 gennaio 2013 – Mentre la popolazione nel campo diminuisce, e prosegue lo sforzo internazionale per il reinsediamento, il JRS celebra il reinsediamento di massa dal Nepal. Yagandra Kami, bambina di 6 anni, è il rifugiato bhutanese numero settantacinquemila a lasciare il Nepal per dare inizio a una nuova esistenza con la sua famiglia. >>>

Nepal: reinsediato un terzo dei rifugiati bhutanesi

Roma, 19 ottobre 2010 – Stando a rilievi statistici prodotti recentemente dal governo nepalese, oltre 36.000 rifugiati bhutanesi sono stati reinsediati in paesi terzi. Si tratta di un aumento significativo che si riferisce agli ultimi venti mesi. In effetti, dal gennaio 2009 sono stati reinsediati ben 28.000 rifugiati bhutanesi. >>>

Nepal: reinsediato un terzo dei rifugiati bhutanesi

Roma, 19 ottobre 2010 – Stando a rilievi statistici prodotti recentemente dal governo nepalese, oltre 36.000 rifugiati bhutanesi sono stati reinsediati in paesi terzi. Si tratta di un aumento significativo che si riferisce agli ultimi venti mesi. In effetti, dal gennaio 2009 sono stati reinsediati ben 28.000 rifugiati bhutanesi. >>>

Nepal: i leader dei rifugiati chiedono al Nepal di contribuire a risolvere la crisi dei rifugiati bhutanesi

Il 17 dicembre, i leader dei rifugiati buthanesi hanno accolto con soddisfazione le assicurazioni fatte dal governo nepalese di istituire una task force con il compito di risolvere la crisi dei rifugiati bhutanesi. >>>

Canada: arriva il primo gruppo di rifugiati bhutanesi

L’8 dicembre, è arrivato in Canada il primo gruppo di rifugiati bhutanesi. Il gruppo, composto di 24 rifugiati, risiederà nella cittadina di Saint-Jérôme, nella provincia del Québec. Sono questi i primi dei 5000 bhutanesi a essere reinsediati nel paese. >>>






Australia
Cambogia
Indonesia

Singapore
Thailandia
Etiopia
Kenya
Sud Sudan
Uganda
Belgium
Croatia
France
Germany
Greece
Hungry
Ireland
Italy
Macedonia
Malta
Portugal
Romania
Slovenia
Sweden
United Kingdom

Burundi
Repubblica Democratica del Congo
Colombia
Ecuador
Venezuela

Giordania
Libano
Siria
Turchia
Afghanistan
India
Nepal
Sri Lanka
Angola
Malawi
Sudafrica
Zimbabwe
Canada
Stati Uniti
Camerun
Repubblica Centrafricana
Ciad