osservi tuttle le campagne
Siria: una quotidiana lotta per la sopravvivenza Nel loro impegno i donatori devono porre al primo piano la drammatica e urgente situazione umanitaria degli sfollati siriani Iraq: il lavoro di parrucchiera offre speranza Giordania: un raggio di speranza Giordania: un viaggio difficile e rischioso verso la salvezza Giordania: costretti tra le memorie del passato e la realtà del presente Giordania: Sognare un futuro in una terra straniera Giordania: sognando una Siria aperta Giordania: mangia la polvere qui o muori in Siria Giordania: istruzione online giova alle competenze dei rifugiati Giordania: rifugiati che aiutano altri rifugiati Il Direttore del JRS Medio Oriente in visita negli Stati Uniti Libano: una tazza di tè nella neve Libano: il prima e il dopo lo sfollamento, visti attraverso gli occhi di un bambino siriano Libano: trovare casa in un posto nuovo Libano: mantenere vivo uno spirito speciale Libano: barriere linguistiche impediscono ai bambini di frequentare la scuola Libano: i bambini rifugiati contano sulla scuola Libano: la scuola permette agli studenti di sognare il futuro Libano: per i bambini siriani un'educazione tradizionale non basta Libano: famiglie siriane fuggono per proteggere i propri figli Libano: xenofobia nei confronti dei siriani nelle scuole pubbliche Medio Oriente: le associazioni umanitarie e per i diritti umani chiedono con forza che la protezione dei civili siriani sia considerata una priorità di portata mondiale Preghiera per la Siria: beati gli operatori di pace Sei anni di conflitto, storie di speranza nel futuro della popolazione siriana Siria: nonostante i disordini,i servizi si espandono Siria: tra paura delle violenze e lotta per sopravvivere Siria: ad Aleppo, la mancanza di pane e carburante rende tutto ancora più difficile Siria: riunire le famiglie Siria: si invoca la pace Siria: la soluzione è il dialogo, non la guerra Siria: i siriani sfollati faticano a trovare un rifugio Siria: incoraggiare gli sfollati a prendere parte attiva all'assistenza di emergenza. Siria: pur tra le macerie, lo spirito non cede Siria: considerare il ruolo delle donne da una prospettiva umanitaria in risposta al conflitto Siria: trovare una comunità al Centro Alberto Hurtado Siria: aggrapparsi alla normalità ad Aleppo Siria: la situazione umanitaria nella regione si va rapidamente deteriorando Siria: in tempi di conflitto, le persecuzioni colpiscono sia cristiani sia musulmani Siria: rifugiati iracheni ai margini di un altro conflitto Siria: JRS chiede passaggi sicuri e incolumità per la popolazione di Aleppo Siria: il JRS amplia il suo intervento ad Aleppo Siria: Laila, l'arte nel cuore Siria: che questo quarto anniversario di guerra sia l'ultimo Siria: reti locali di solidarietà e JRS aiutano le famiglie sfollate Siria: rifugiato trova il suo scopo nella vita presso il centro Al Mukhales Siria: sogni infranti, ma anche barlumi di speranza Siria: migliaia di sfollati dopo il riaccendersi delle violenze a Sheikh Maqsoud Siria: trasformare il dolore nella loro arma più potente Siria: due anni di conflitto mettono a serio rischio l'educazione e il benessere dei bambini Siria: aggiornamento sull'assistenza di emergenza del JRS Siria: aggiornamento sulla situazione a Damasco Siria: bisogno urgente di viveri per l'inverno Siria: la violenza a Damasco alimenta disperazione e paura Siria: i volontari sono fondamentali per il lavoro del JRS Siria: l'acqua, il più semplice dei doni Siria: perché le persone fuggono e perché hanno bisogno di protezione Siria: riconosciuto da fondazione per i diritti umani tedesca il lavoro della comunità gesuita Siria: operare seguendo i principi di neutralità, non-violenza e inclusione Stati Uniti: il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati sostiene la Siria Voci d'Europa unite per aiutare i rifugiati siriani


Kassem ha dei sogni, spera che un giorno di diventare insegnate d'arte. È bravo a biliardo e trascorre molto tempo a giocare con i suoi amici. (Kristóf Hölvényi/Il Servizio dei Gesuiti ai rifugiati)

Baalbek, 15 marzo 2017 – È stata una tragedia che rimarrà scolpita per sempre nella sua memoria. Ne parla come se fosse accaduta ieri; ricorda la data precisa di quell'agosto 2013. Kassem aveva circa otto anni (oggi ne ha più o meno dodici) come ogni altro bambino in Siria giocava e si divertiva, ignorando il conflitto che gravava sulla vita della sua famiglia e dei vicini. 

Quel tragico giorno, una bomba ha colpito la casa del vicino, nel villaggio di Al-Ghouta (Deir Al Asafir).  L'intera famiglia di Kassem è uscita di corsa da casa per vedere cosa fosse successo, temendo per la propria sicurezza. La mamma, che al tempo era al sesto mese di gravidanza, è rientrata in fretta in casa per chiudere il gas. Kassem non ricorda cos'è successo dopo. Più tardi gli hanno detto che una seconda bomba era caduta sulla loro testa, uccidendo suo padre, due sorelle e un fratello. Lui e la mamma erano gli unici sopravvissuti; la bomba però gli aveva portato via la gamba destra.

Insieme ad alcuni parenti e amici, hanno dovuto lasciarsi tutto alle spalle e scappare a Jaramana (nel circondario rurale di Damasco). Un po’ di tempo dopo, con grande difficoltà, la madre è riuscita a raggiungere il Libano con Kassem. Lì è nato il bambino che hanno chiamato Hammud. Ora abitano a Baalbek nella Valle della Beqa'. Sua madre ha avuto la fortuna di trovare lavoro in un negozio di mobili che consente loro di arrivare a fine mese.

Per Kassem, in qualche modo la vita ha ripreso il suo corso. Gli piace molto frequentare il Noor-2 Educational Centre gestito dal JRS a Baalbek. Il Centro è un luogo in cui si sente accettato, prova un senso di appartenenza e, soprattutto, ha la possibilità di fare qualcosa di positivo nella vita. “Oh, sì”, dice, “alcuni miei amici mi prendono in giro e mi chiamano ‘senza-gambe!’”. Lo dice con dolore perché di sicuro non gli piace essere preso in giro. Tuttavia, con una certa dose di sicurezza in sé, che lo caratterizza, Kassem prosegue: “Posso fare tutto quello che fanno loro, e anche molto di più”. E per darmene prova, corre giù per una rampa di scale del Centro in modo da fare invidia a un qualsiasi bambino della sua età.

Kassem ha dei sogni. Ama l’arte e l’inglese. Il suo insegnante preferito è quello di educazione artistica, e spera che un giorno farà anche lui lo stesso lavoro. È bravo a biliardo e trascorre molto tempo a giocare con i suoi amici. 

Sì, il conflitto gli ha sottratto gran parte dell’infanzia - ma non c’è da preoccuparsi, Kassem è pronto ad affrontare con coraggio le sfide poste da un nuovo mondo.

-Kristof Holvenyi


Countries Related to this Region
Lebanon, Syria