osservi tuttle le campagne

Parramatta, 25 gennaio 2018 – Migrante lei stessa in passato, Marthe sa cosa vuol dire doversene andare. Mentre cammina per le strade di Parramatta, guarda i fiori dell’albero di Jacaranda e pensa alla sua casa a Mauritius. “I rifugiati non vogliono essere qui, vorrebbero stare a casa”, dice riconoscendo che almeno ha potuto scegliere di trasferirsi in Australia.

Sa molto bene che accogliere alla porta un migrante con un sorriso, o fare una chiacchierata davanti a una tazza di tè possono essere piccoli gesti che fanno sentire accettati e danno un senso di appartenenza. E la cosa è ancora più vera per i rifugiati, che spesso vivono forme di ostilità e sospetto perché appena arrivati in un paese straniero.

Nonostante dica con modestia che ora che è in pensione ha semplicemente bisogno di riempire le giornate, Marthe riconosce che il suo “piccolissimo” contributo al Centro del JRS, Arrupe Place, fa una grande differenza nella vita dei rifugiati che lo frequentano.

“Il piccolo lavoro che fai è molto importante: se non fossi lì, in quell’istante, in quel posto, nessun altro lo farebbe”, spiega.

Così Marthe continua a venire perché sa quanto sia fondamentale #Do1Thing per aiutare a far sì che l’arrivo di un rifugiato somigli il più possibile a un rientro a casa.



Clicca qui per vedere altre storie #Do1Thing.
Countries Related to this Region