Questo sito Web utilizza i seguenti tipi di cookies: di navigazione/sessione, analytics, di funzionalità e di terze parti. Facendo click su "Maggiori Informazioni" verrà visualizzata l'informativa estesa sui tipi di cookies utilizzati e sarà possibile scegliere se autorizzarli durante la navigazione sul sito.
MAGGIORI INFORMAZIONI
x

Al fianco della popolazione siriana
Il conflitto siriano sta entrando nel suo ottavo anno e la popolazione continua a soffrire. È quasi impossibile descrivere a parole quello che sta succedendo e come si sente la gente, eppure mai come ora bisogna parlarne. Ultimamente Papa Francesco ha messo in risalto come gli ultimi mesi siano stati tra i periodi più violenti dell'intero conflitto. "Tutto questo è disumano. Non si può combattere il male con altro male", sono le sue parole.

La comunità internazionale non deve girare le spalle di fronte a una situazione che esige un approccio globale.

Sostieni i rifugiati e gli sfollati siriani

Segue



Siria – Far fronte alle difficoltà
Aleppo, 19 settembre 2018 – È difficile sentirsi uno “straniero” nel proprio paese. Bisogna imparare ad affrontare le situazioni più difficili e impegnative. 
Segue
Siria: Ricominciare
Kafroun, 30 marzo 2018 – La storia di Nour* è una storia di dolore, di un cuore spezzato e di un’anima stanca, ma è anche la storia di come sia possibile ricostruire l’infanzia e la speranza in piena guerra.
Segue
Siria: Sii amore, sii luce
Damasco, 22 marzo 2018 – “Guarda, ora sono come te”, dice Ammar* sorridendo con fierezza mentre si toglie gli occhiali per dimostrare che può aprire completamente gli occhi.
Segue
Siria: Restituire speranza
Kafroun, 19 marzo 2018 – La vita di Saad’s* è stata dura fin dall’inizio. Ha visto la madre abbandonare la famiglia all’inizio della guerra siriana, e ha trascorso la maggior parte dei suoi 13 anni di vita nel caos del conflitto in atto.
Segue
Medio Oriente: Dopo sette anni, la Siria ha ancora bisogno di pace
Beirut, 15 marzo 2018 – Il conflitto siriano sta entrando nel suo ottavo anno, e la popolazione continua a soffrire. È quasi impossibile descrivere a parole quello che sta succedendo e come si sente la gente, eppure mai come ora bisogna parlarne.
Segue
Siria: Le aspirazioni non hanno limiti
Damasco, 14 marzo 2018 – Yana è entrata nella sala d’attesa del Centro Ibrahim Muslih del JRS e ha mostrato fiera il frutto del suo impegno e del suo lavoro: il certificato di completamento del primo anno della scuola media.
Segue
Siria: Aggiornamento sulla situazione a Damasco
22 febbraio 2018 - Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS) è profondamente turbato dai bombardamenti ai danni della popolazione civile siriana a Damasco e nell’area Ghouta Est. Il JRS invoca un'immediata cessazione delle ostilità, e che sia rispettata e protetta la vita delle persone non direttamente impegnate nelle operazioni belliche. 
Segue
Siria: Quando torna la speranza – la storia di Amena
Homs, 11 settembre 2017 - Amena*, che ha tredici anni, è come tanti altri ragazzini della sua età o più giovani che fanno parte della cosiddetta “generazione perduta”.
Segue
Iraq: determinata a costruirsi una nuova vita
Erbil, 02 maggio 2017 - Zozan ha una determinazione di acciaio. Nell’ascoltare questa donna di venticinque anni raccontare che nella vita le piacerebbe più di ogni altra cosa imparare le lingue e viaggiare in posti lontani, si intuisce che andrà lontano.
Segue
Libano: “Voglio che i bambini del mondo ascoltino la mia storia”
Baalbek, 24 aprile 2017 - Randa è una donna coraggiosa che non si è mai tirata indietro. Negli anni ha visto e vissuto fame e privazioni, bombardamenti e sofferenza, distruzione e morte. Eppure Randa non è il tipo di persona che si lascia abbattere: ha uno spirito combattivo. 
Segue