Ospitalità: uscendo dall'oscurità
Francia: aprire le porte, allargare gli orizzonti, ampliare le menti
Parigi, 22 maggio 2017 – In coincidenza con l'elezione del nuovo Presidente francese, il direttore del JRS Francia, Antoine Paumard SJ, si volta indietro a guardare un anno ricco di nuove sfide, che ha però anche visto nascere la speranza che la società civile offra ai rifugiati una sempre maggiore collaborazione e ospitalità. 
Segue
Camerun: riconciliazione attraverso progetti generatori di reddito
Boubara, 11 gennaio 2017 - La riconciliazione – intesa come ripristino della coesione sociale attraverso lo sviluppo socioeconomico – crea l'opportunità di riunire più comunità intorno a progetti comuni. Tutte le parti interessate sono così coinvolte in attività intese per il bene comune, anziché essere incentrate su interessi particolari o individuali.
Segue
Italia: un viaggio di fede attraverso lo sfollamento
Roma, 7 dicembre 2016 - Antonio Guterres, alto commissario delle NU per i rifugiati, parlando a Ginevra nel dicembre del 2012 ha detto: "Per la maggior parte delle persone sradicate, poche cose riescono a essere di aiuto nell'affrontare la paura, il senso di perdita, la separazione e la povertà come riesce a fare la fede".
Segue
Francia: in cerca di uno spazio da chiamare casa
Parigi, 24 luglio 2014 – Quando ho voglia di fare una doccia, guardo il mio corpo. Per esempio, qui: questo è il segno di una sigaretta. Ho la mano rotta. Vedi, hanno usato l'acido per bruciare il tatuaggio che mia madre mi aveva fatto.
Segue
Sudafrica: uno spazio per la guarigione in una società ineguale
Johannesburg, 21 luglio 2014 – Migliaia di rifugiate rischiano la vita per fuggire da luoghi, come la Repubblica Democratica del Congo (RDC), dove hanno subìto la violenza sessuale come strumento di guerra. Hanno percorso migliaia di chilometri per raggiungere posti come Johannesburg, nella speranza di trovare protezione e poter ricominciare una nuova vita.
Segue
Libano: uno spazio per apprendere
Beirut, 3 luglio 2014 – Come può un paese istruire ogni bambino quando la sua popolazione è aumentata del 25% in meno di quattro anni? Il Libano, un paese di quattro milioni di abitanti nel 2010 ospita attualmente più di un milione di rifugiati siriani, di cui quasi la metà in età scolare. Un paese che ha più o meno l'estensione del Delaware, o che è grande come un quarto della Svizzera – e il cui punto di maggiore ampiezza misura solo 70 km.
Segue
Malawi: uno spazio per diventare leader di comunità
Dzaleka, 2 luglio 2014 – Mentre la maggior parte delle 18.000 persone che vivono nel campo di Dzaleka sognano di andarsene, 23 rifugiati hanno deciso di trasformare in comunità questo campo non precisamente "temporaneo".
Segue
Giordania: uno spazio per stare insieme
Irbid, 27 giugno 2014 – A Irbid, in un edificio senza pretese di una strada tranquilla, alcune madri siriane tutte vestite con pesanti cappotti neri e hijab chiacchierano intorno a un tavolo davanti a pane e caffè mentre i loro figli frequentano l'asilo nella stanza a fianco. Sono un po' accalcate, ma ormai ci hanno fatto l'abitudine, dal momento che da quando sono arrivate in Giordania in molte vivono in appartamenti affollati.
Segue
Repubblica Centrafricana: uno spazio sicuro per i bambini in mezzo al caos
Bangui, 25 giugno 2014 – Il JRS ha costruito rifugi provvisori per bambini in un sito per sfollati nella martoriata città di Bangui. All 'inizio di febbraio sono stati assunti insegnanti e sono stati costruiti in un campo presso il monastero di Boy Rabe 16 capanni per svolgere lezioni e altre attività. Il progetto è pensato per durare almeno fino alla fine di aprile.
Segue