Area news
Con uno staff di oltre 1.500 persone in tutto il mondo, il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati è una risorsa importante per i giornalisti che cercano informazioni sulle ultime novità in merito alle migrazioni forzate nel mondo. I giornalisti che visitano questo sito hanno accesso a comunicati stampa e notizie recenti che riguardano i rifugiati e altri migranti forzati, aggiornamenti su progetti e attività del JRS, discorsi, contenuti speciali e altro materiale.

I programmi del JRS sono realizzati in oltre 50 uffici nazionali e attraverso una vasta rete di partner e ogni anno contano oltre 900.000 beneficiari in tutto il mondo.

La nostra rete mondiale di responsabili della comunicazione degli uffici regionali, basati in Africa, Asia, Europa e America Latina, è in grado di fornire aggiornamenti sulle emergenze e contatti del personale che opera sul campo.

Lo staff regionale può fornire informazioni sui programmi del JRS e sulle priorità del lavoro di advocacy o offrire informazioni dettagliate sulle crisi globali in corso.

Per domande da parte dei media e per organizzare un'intervista, contatta il nostro staff dell'area comunicazioni.

Per qualunque altra richiesta, chiama +39 06 689 77609

Italia: giovani rifugiati sperano in un futuro di pace
Roma, 16 gennaio 2017 – In occasione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2017 numerosi rifugiati, volontari e amici del JRS Italia – Centro Astalli – hanno incontrato p. Arturo Sosa, neo-eletto superiore generale della Compagnia di Gesù.
Segue >>>
Kakuma: assistenza psicosociale ai bambini vulnerabili
Kakuma, 3 gennaio 2017 – I bambini che vivono nel contesto di un campo rifugiati, di un insediamento urbano, o di qualsiasi altro insediamento del mondo, rientrano nella categoria di soggetti caratterizzati da estrema vulnerabilità. Questo aspetto si evidenzia fin dal primo istante quando si osservi la loro posizione nel mondo.
Segue >>>
Messaggio di fine anno del Direttore Internazionale
Con le sue luci e le sue ombre, il 2016 è stato un anno davvero memorabile. Tra le ombre che gravano sul nostro mondo c'è l'indiscussa realtà dei 65 milioni di rifugiati e sfollati - cifra mai registrata nella storia dell'uomo. Tutti noi sappiamo bene come stiano le cose ad Aleppo e Atene, ma vale ricordare che il JRS opera attivamente anche là dove le persone in fuga non fanno  notizia.
Segue >>>
Repubblica Centrafricana: vivere in una fabbrica
Bambari, 27 dicembre 2016 - A un paio di ore da Bambari, la seconda città più grande nella Repubblica Centrafricana, circa 5.000 operai di uno zuccherificio hanno occupato la fabbrica temendo per la propria vita. Abitano a meno di due chilometri di distanza, ma un paio di mesi fa sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sfuggire ad attacchi incendiari e aggressioni a colpi di machete.
Segue >>>
Europa: Behzad, voglia di vivere
Bruxelles, 20 dicembre 2016 – "La mia vita ora non è rose e fiori. Un fiore sboccerà quando mi sposerò, un altro quando vedrò crescere i miei figli". È questa una delle ultime cose che Behzad mi ha detto quando ci siamo incontrati, quasi a voler imprimere in me il motivo per cui ha attraversato l'Europa lasciandosi alle spalle l'Afghanistan.
Segue >>>
Dichiarazione congiunta: Quest'inverno i leader UE possono salvare vite umane
Bruxelles, 14 dicembre 2016 – Alla vigilia dell'assemblea del Consiglio UE che si terrà a Bruxelles il 15 dicembre, insieme a oltre 30 altre organizzazioni che si occupano di rifugiati, il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati - Europa si appella ai leader politici perché adottino prontamente misure atte a salvare quest'inverno vite umane in Grecia.
Segue >>>
Stati Uniti: i proventi della vendita del libro “Papa Francesco scrive ai bambini” contibuiscono ai programmi del JRS in tutto il mondo
Chicago, 13 dicembre 2016 – Un successo strepitoso ha premiato la pubblicazione, quest'anno, del libro “L'amore prima del mondo. Papa Francesco scrive ai bambini” a cura della Loyola Press: una lettura da condividere in famiglia, che lasciato incantati bambini, genitori, e nonni. Non per nulla si è guadagnato il primo posto nella classifica Amazon dei regali per la prima comunione.
Segue >>>
Malawi: formazione insegnanti sul campo
Lilongwe, 12 dicembre 2016 — Alla fine del 2015, circa 12.000 mozambicani hanno attraversato il confine con il Malawi per cercare rifugio dagli scontri politici e dalle violenze in corso nella loro provincia. Nonostante siano tornati a casa in molti, l'instabilità ancora in atto ha fatto sì che circa 2.000 di loro siano ancora nel Malawi. Questi rifugiati sono stati insediati a Luwani, un piccolo villaggio dove prima risiedevano solo poche centinaia di malawiani.
Segue >>>
Intervista con p. Varkey Perekkatt SJ: dare voce ai rifugiati bhutanesi
Roma, 5 dicembre 2016 - P. Varkey Perekkatt SJ, ex direttore sul campo del JRS nel Nepal, crede che sia stata l'educazione a consentire a più di 100.000 rifugiati bhutanesi di essere reinsediati e trovare un future migliore.
Segue >>>
Globale: ricordando l’impegno di p. Kolvenbach per i rifugiati
Roma, 2 dicembre 2016 - La famiglia del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati ricorda p. Peter Hans Kolvenbach SJ, deceduto il 26 novembre a Beirut, nel Libano. Kolvenbach è stato il 29esimo Superiore Generale della Compagnia di Gesù per quasi venticinque anni e ha fortemente sostenuto il JRS.
Segue >>>
Stati Uniti: P. Ken Gavin SJ riceve il Premio In Cammino con i Rifugiati
Washington DC, 1 dicembre 2016 — Oggi, a New York, nel corso di un evento speciale p. Kenneth J. Gavin SJ, assistente del Direttore internazionale del JRS, riceverà oggi il Premio Grace Kobbe Tevis al Servizio Straordinario.
Segue >>>
Europa: i bambini non possono aspettare
Bruxelles, 30 novembre 2016 - Le istituzioni dell'Unione Europea (UE) e dei suoi Stati Membri devono impegnarsi di più per proteggere i bambini rifugiati e migranti, afferma oggi una dichiarazione firmata da 78 organizzazioni della società civile per segnare l'apertura, A Bruxelles, del 10mo Forum europeo sui diritti dei minori.
Segue >>>
Repubblica Centrafricana: 'Non comprendiamo questa guerra'
Batouri, 29 novembre 2016 - "Ancora non so perché sia in corso una guerra nel nostro paese, la Repubblica Centrafricana", dice Haman, rifugiato della RCA che risiede nell'area di Kette, nel Camerun orientale. Haman vive nella cittadina di Boubara con la moglie e cinque figli.
Segue >>>
Globale: P. Thomas Smolich SJ riceve il CRISPAZ Peace Award 2016
San Salvador, 25 novembre 2016 - L'organizzazione Christians for Peace in El Salvador (CRISPAZ) assegnerà al direttore internazionale del JRS, p. Thomas Smolich, SJ, il CRISPAZ Peace Award mercoledì 30 novembre, nel corso di un ricevimento serale presso il De Saisset Museum della Santa Clara University a Santa Clara, in California.
Segue >>>
Globale: sostenere la giustizia contro i “minerali dei conflitti”
Bruxelles, 30 novembre 2016-L'Unione Europea (UE) ha compiuto un relativo passo avanti in direzione di un più legale commercio dei minerali con l'Europa. I legislatori UE si sono accordati su un nuovo testo legislativo riguardante i cosiddetti "minerali dei conflitti", vale a dire un Regolamento inteso ad assicurare che i minerali in ingresso nell'UE non finanzino conflitti o violazioni dei diritti umani.
Segue >>>
Siria: il personale del JRS unito nel servizio agli sfollati
Beirut, 22 novembre 2016 – Sono ormai sei anni che le notizie della guerra in Siria occupano le prime pagine dei quotidiani di tutto il mondo. Le violenze hanno provocato migliaia di morti e feriti, e i senzatetto si contano a milioni: sono per la maggior parte persone sfollate all'interno della stessa Siria o costrette a cercare asilo in qualche paese straniero. Molte città e centri abitati della Siria sono ridotti in macerie oltre ogni immaginazione.
Segue >>>
Globale: Portare un raggio di luce ai bambini migranti che sono tra noi
Roma, 17 novembre 2016 – In occasione della Giornata Mondiale dell'Infanzia che si celebrerà il 20 novembre 2016, facciamo eco all'appello lanciato da Papa Francesco perché "si adotti ogni possibile misura per garantire ai minori migranti protezione e difesa". In questi tempi di migrazioni umane di proporzioni epiche, "i fanciulli costituiscono il gruppo più vulnerabile perché, mentre si affacciano alla vita, sono invisibili e senza voce".
Segue >>>
Australia: il JRS esprime soddisfazione per l'accordo di reinsediamento con gli Stati Uniti
Sydney, 14 novembre 2016 - Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati Australia (JRS) accoglie favorevolmente l’annuncio dato ieri dal governo australiano secondo il quale alcuni rifugiati delle isole di Nauru e Manus saranno reinsediati negli Stati Uniti.
Segue >>>
Sudafrica: Funzionari del Dipartimento di Stato americano ospiti del JRS
Johannesburg, 11 novembre 2016 – In data 1 novembre 2016, Linda Thomas-Greenfield, vicesegretario di Stato americano per gli Affari africani si è recata in visita al Programma rifugiati urbani del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati Sudafrica, per ascoltare in prima persona e approfondire il tema delle difficoltà incontrate dai rifugiati vulnerabili, già vittime di violenze sessuali e di genere (SGBV) e quelli appartenenti alle comunità lesbo, gay, bisex, trans, e/o intersex (LGBTI).
Segue >>>
Roma: l'ufficio internazionale del JRS incontra p. Arturo Sosa, nuovo Padre Generale
Roma, 9 novembre 2016 - Mercoledì 2 novembre presso l’aula della congregazione, p. Arturo Sosa ha voluto incontrare i laici che lavorano nella curia generale della Compagnia di Gesù a Roma.
Segue >>>
Venezuela: donne colombiane contribuiscono al dialogo per la pace
El Nula, 10 novembre 2016 – In Colombia, a causa del diffuso clima di violenza provocato da decenni di conflitto, donne e bambine sono tra le persone più vulnerabili. Le seconde sono esposte al reclutamento da parte dei gruppi armati, mentre le donne si ritrovano spesso da sole a dover provvedere al sostentamento della famiglia. Prive di opportunità, è facile cadano vittime di sfruttamento, tra cui la prostituzione e il traffico di esseri umani.
Segue >>>
Globale: il JRS appoggia l'intenzione di preghiera di Papa Francesco per i paesi che accolgono rifugiati
Roma, 4 novembre 2016 - L'edizione di novembre di Il Video del Papa, prodotto dal The Pope's Worldwide Prayer Network e sostenuto dal Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati, ha come tema i rifugiati e la migrazione forzata ed evidenzia in modo particolare la solidarietà con i paesi che stanno accogliendo la maggior parte dei rifugiati.
Segue >>>
Australia: il JRS condanna il divieto a vita di approdo ai rifugiati che arrivano in Australia via mare
Sydney, 2 novembre 2016 – Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati Australia (JRS) esprime condanna per il divieto a vita di ingresso nel continente australiano ai rifugiati attualmente trattenuti a Nauru e Papua Nuova Guinea, preannunciato dal primo ministro australiano, Malcolm Turnbull.
Segue >>>
Romania: il JRS aiuta un rifugiato iracheno a ricevere cure e trovare speranza
Bucarest, 24 ottobre 2016 – Mohamad è un ragazzo che nel 2014, a quindici anni, aveva trovato rifugio in Romania. Era dovuto scappare dal suo paese a causa del conflitto in atto, che, a quanto riferisce la stampa internazionale, è ancora in corso. I genitori gli erano stati uccisi davanti agli occhi durante un attacco. A Mohamad avevano sparato alle gambe, e purtroppo l'intervento chirurgico eseguito presso l'ospedale iracheno, in condizioni disastrate, aveva peggiorato ancora di più la ferita.
Segue >>>
Europa: il direttore del JRS Africa Orientale sul ruolo dell'Europa per la migrazione, lo sviluppo e la giustizia sociale
Berlino, 20 ottobre 2016 – Oltre la cosiddetta "crisi dei rifugiati" in Europa, i paesi di tutto il mondo che confinano con altri in cui sono in corso situazioni di conflitto sentono crescere la pressione di farsi carico di chi è in arrivo. Perché sia garantito il rispetto dei diritti dei rifugiati, mai come ora sono stati importanti i tentativi fatti dai legislatori per rispondere alla loro situazione in modo coordinato e dignitoso.
Segue >>>