Area news
Con uno staff di oltre 1.500 persone in tutto il mondo, il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati è una risorsa importante per i giornalisti che cercano informazioni sulle ultime novità in merito alle migrazioni forzate nel mondo. I giornalisti che visitano questo sito hanno accesso a comunicati stampa e notizie recenti che riguardano i rifugiati e altri migranti forzati, aggiornamenti su progetti e attività del JRS, discorsi, contenuti speciali e altro materiale.

I programmi del JRS sono realizzati in oltre 50 uffici nazionali e attraverso una vasta rete di partner e ogni anno contano oltre 900.000 beneficiari in tutto il mondo.

La nostra rete mondiale di responsabili della comunicazione degli uffici regionali, basati in Africa, Asia, Europa e America Latina, è in grado di fornire aggiornamenti sulle emergenze e contatti del personale che opera sul campo.

Lo staff regionale può fornire informazioni sui programmi del JRS e sulle priorità del lavoro di advocacy o offrire informazioni dettagliate sulle crisi globali in corso.

Per domande da parte dei media e per organizzare un'intervista, contatta il nostro staff dell'area comunicazioni.

Per qualunque altra richiesta, chiama +39 06 689 77609

Angola: si risponde alla situazione di emergenza
Dundo, 8 giugno 2017 – Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati e l'UNHCR stanno intervenendo in risposta alla situazione di emergenza che si è determinata nella provincia angolana del Lunda Norte, prestando sostegno a migliaia di congolesi in fuga dalle violenze in atto nella regione del Kasai, Repubblica Democratica del Congo.
Segue >>>
Grecia: Scelte impossibili
Atene, 7 giugno 2017 – Per Zeinab, crescere a Sanandaj, in Iran, cittadina nota per essere uno dei centri della cultura curda, sarebbe dovuto essere un'esperienza del tutto normale, come tante altre.
Segue >>>
Sudafrica: Gli operatori sociali accompagnano i rifugiati in ogni situazione
Johannesburg, 5 giugno 2017 – Marcelline, operatrice sanitaria del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati a Johannesburg, mi lancia un sorriso caloroso e rassicurante mentre usciamo per andare a visitare alcuni suoi pazienti. 
Segue >>>
Colombia: la sfida del peacebuilding
Bogotá, 1 giugno 2017 - Per 50 lunghi anni, gruppi armati hanno coinvolto la Colombia in un conflitto armato. Durante la fase più intensa, dal 1990 al 2004 – quando, secondo una classificazione internazionale, si era raggiunto il livello definito di "conflitto armato primario" – era coinvolto praticamente l'intero paese. 
Segue >>>
India: la formazione in 'life skills’ aiuta i rifugiati a sostenere le proprie famiglie
Okkur, 29 maggio 2017 - Rishna aveva sei mesi quando con i  genitori e i due fratelli maggiori è fuggita da Jaffna, nello Sri Lanka devastato dal conflitto, e nel 1990 ha raggiunto la costa di Dhanushkodi nel Tamil Nadu.
Segue >>>
Angola: migliaia di rifugiati dalla RDC hanno urgente bisogno di assistenza
Dundo, 17 maggio 2017 – "La situazione qui è disperata, urgentissima. Migliaia di congolesi stanno scappando dalla Repubblica Democratica del Congo e cercano rifugio nel vicino Angola", riferisce Tim Smith, direttore regionale del JRS Africa Meridionale, al suo rientro dall'Angola nordorientale. 
Segue >>>
Sri Lanka: Un tributo agli anni di servizio
Colombo, 15 maggio 2017 - “Anche se era quasi paralizzato, padre Arrupe chiaramente voleva farmi una domanda, ma non riusciva a trovare le parole, così fratello Bandera, l’infermiere, gli portò carta e penna. Con la mano sinistra padre Arrupe disegnò tremante una mappa dell’India, poi l’isola accanto, a forma di goccia. Indicando l’isola mi chiedeva chiaramente: ‘Cosa sta facendo il JRS per aiutare le persone dello Sri Lanka?’”
Segue >>>
Iraq: accompagnando gli Yazidi
Erbil, 11 maggio 2017 – Il 19 aprile per gli Yazidi è stato Capodanno. Che gioia incontrare alcuni di loro a Sarsink, nel distretto iracheno di Dohuk proprio in quella data, salutarli con un "Jajna ta Piroz"! Ogni famiglia portava un vassoio con delle ciotole piene di dolcetti, uova sode dai gusci colorati, caramelle, frutta e, per non farsi mancare nulla, anche un pacchetto di sigarette.
Segue >>>
Malawi: Salama Africa valorizza i giovani rifugiati
Dzaleka, 5 maggio 2017 – Alain e Toussaint condividono con entusiasmo storie e risate mentre parlano di Salama Africa, un'organizzazione che hanno contribuito a fondare e che ha il fine di valorizzare i giovani del campo rifugiati di Dzaleka, nel Malawi. Hanno infatti dato vita a un gruppo di danzatori di fama nazionale, a squadre di calcio, e istituito diversi corsi di materie artistiche che contribuiscono a tenere impegnati sul piano intellettivo e fisico i bambini e i ragazzi rifugiati.
Segue >>>
Repubblica Centrafricana: grave preoccupazione per il deteriorarsi della situazione della sicurezza
Bangui, 3 maggio 2017 - A oltre quattro anni dal colpo di stato del 2013 e dalla nuova crisi che ha investito la Repubblica Centrafricana
Segue >>>
Myanmar e Thailandia: tessere il futuro promuovendo la comprensione
Mae Hong Son, 27 Aprile 2017 - Il futuro non è mai una cosa semplice da gestire, soprattutto perché per la maggior parte di noi è un terreno ignoto. Da quando ho incontrato i rifugiati nei campi di Mae Hong Son lo avverto con chiarezza: ho visto i loro volti sconsolati e come fossero emotivamente demoralizzati quando li ho incontrati e ho parlato con loro.
Segue >>>
Sri Lanka: Ramya, storia di un ritorno
Colombo, 07 aprile 2017 - Fin da quando era bambina, Ramya si è spostata avanti e indietro tra il Tamil Nadu, in India e lo Sri Lanka. Si è trasferita la prima volta nel Tamil Nadu insieme ai genitori nel 1990 quando aveva dieci anni, ed è poi rientrata nello Sri Lanka cinque anni dopo. Per lei la situazione era molto soffocante a causa dei tanti militari a guardia che limitavano il movimento anche dei civili innocenti; ed è questo il motivo per cui nel 1996 è tornata nel Tamil Nadu.
Segue >>>
Sud Sudan: innamorato di un Dio sfollato
Maban, 5 aprile 2017 – Vengo da Barcellona, in Catalogna. Sono entrato nella Compagnia di Gesù nel 2000 con il profondo desiderio di servire i poveri. Un impulso che nel tempo si è perfezionato e purificato rispetto al semplice desiderio di servire, diventando qualcosa di più profondo e reciproco: intraprendere un cammino con quanti sono relegati ai margini della storia e della società. Ho il privilegio di far parte del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati – JRS già da qualche anno ormai
Segue >>>
Dalla Siria al Belgio: Alla ricerca del tesoro.
Città del Vaticano, 8 marzo 2017 – In occasione della giornata interazionale della donna si svolgerà l’evento di narrazione femminile Voices of Faith. L'evento metterà in luce gli importanti contributi che donne di fede hanno dato e continuano a dare all'opera di costruzione della pace e della riconciliazione. Tra le testimonianze di questa giornata vi proponiamo la storia delle sorelle Nagham e Shadan.
Segue >>>
Voices of Faith - 4° Festival della narrazione femminile in programma in Vaticano
Città del Vaticano, 28 febbraio 2017 – L'8 marzo, Giornata internazionale della donna, si svolgerà presso la Casina Pio IV, nel cuore del Vaticano, l'evento di narrazione femminile Voices of Faith. L'evento metterà in luce gli importanti contributi che donne di fede hanno dato e continuano a dare all'opera di costruzione della pace e della riconciliazione.
Segue >>>
Roma: Un saluto a p. Ken Gavin SJ
Roma: 22 febbraio 2017 – Padre Ken Gavin SJ ha trascorso oltre dieci della sua vita accompagnando, servendo e battendosi per il rispetto dei diritti dei rifugiati e degli sfollati con la forza. Dal 2003 al 2010 ha ricoperto la carica di Direttore regionale del JRS Stati Uniti, e dal 2011 al 2017 ha prestato opera presso l'Ufficio internazionale del JRS in veste di Vicedirettore internazionale.
Segue >>>
Etiopia: nei bambini la speranza per il domani
Mai Aini, 21 febbraio 2017 - Osmaan* ha trascorso tutta la vita ripartendo sempre da zero. Nato in una famiglia di agricoltori in quella che era l’Etiopia settentrionale, si è poi trasferito nel Sudan per lavorare con alcune compagnie petrolifere statunitensi, trivellando in profondità le aree petrolifere sudanesi.er lavorare con alcune compagnie petrolifere statunitensi, trivellando in profondità le aree petrolifere sudanesi.
Segue >>>
Ciad: incontro con il direttore nazionale, Alberto Martin Huertas
N'Djamena, 17 febbraio 2017 - Il 2017 rappresenta una sfida enorme per il JRS Ciad, poiché stiamo espandendo le nostre attività nell'ambito dell'istruzione primaria a cinque nuovi campi rifugiati a Farchana e Oure Cassoni. Al contempo, quest'anno sarà per noi la prima esperienza di attuazione di un Programma di protezione dell'infanzia. Una sfida notevole che comporterà tanto lavoro; ma noi siamo pieni di entusiasmo, e lo comprova la fiducia che i nostri benefattori ripongono in noi.
Segue >>>
Giordania: amore camminando sotto la pioggia
Amman, 16 febbraio 2017 – Amman, capitale della Giordania, è una città stupenda, ricca di storia, tradizioni e al tempo stesso di modernità. Eppure, in una giornata gelida e piovosa non è il posto più esaltante che ci sia. Soprattutto perché essendo costruita su una serie di colline (jabal) e altrettante valli (wadi), spostarsi da una casa all'altra non è agevole.
Segue >>>
Entreculturas e il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati aderiscono alla Rete mondiale di preghiera in favore della causa dei bambini soldato
9 febbraio 2017 - In coincidenza con il 12 febbraio 2017 – Giornata mondiale contro l'impiego dei bambini soldato – Entreculturas e il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati si uniscono alla Rete mondiale di preghiera per pregare e mobilitare l'opinione pubblica secondo l'intenzione mensile di Papa Francesco perché cessi l'impiego di bambini nei conflitti armati.
Segue >>>
Repubblica centrafricana: una guerra interminabile, sconosciuta
Bambari, 24 gennaio 2017 - Da alcuni mesi, a Bambari, sentiamo spesso parlare di “personale essenziale/personale non essenziale”. Nuove e sorprendenti categorie dettate da specialisti del mondo umanitario. 
Segue >>>
Comunicato congiunto: Musulmani e cristiani uniti nel chiedere ponti anziché muri
6 febbraio 2017 - In coincidenza con la celebrazione della Settimana mondiale dell'armonia interreligiosa istituita dalle Nazioni Unite, la Comunità Religiosa Islamica Italiana (COREIS) e il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS) interpretano l'Ordine esecutivo del presidente Trump sul tema dell'immigrazione e dei rifugiati come un affronto ai nostri comuni valori musulmani e cristiani e una negazionedella nostra condivisa umanità
Segue >>>
Europa: la riforma legislativa proposta per l'asilo sfavorirà i più vulnerabili
Bruxelles, 3 febbraio 2017 – Come evidenziato dal nostro documento di lavoro pubblicato oggi, le proposte di riforma del Sistema europeo comune di asilo (CEAS) nel loro insieme portano a un grave e importante ridimensionamento dello stesso asilo in Europa.
Segue >>>
Intervista a p. Mark Raper SJ: esperienze salienti dell'accompagnamento di rifugiati
Roma, 1 febbraio 2017 - Nei giorni della 36a Congregazione Generale della Compagnia di Gesù, il JRS ha avuto occasione di incontrare gesuiti che un tempo avevano lavorato per la stessa struttura. Questo è il secondo di una serie di articoli sulle esperienze maturate in quell'occasione.
Segue >>>
Stati Uniti: negare l'accesso ai rifugiati è un affronto ai valori globali e cristiani
30 gennaio 2017 – Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati contesta l'ordine esecutivo del Presidente degli Stati Uniti che vieta l'ingresso nel paese ai rifugiati e ai cittadini di sette nazioni a maggioranza musulmana.
Segue >>>