Stati Uniti: Conferito al JRS il Premio Anna Frank
18 settembre 2017

L'Ambasciatore dei Paesi Bassi ha consegnato il Premio Anna Frank al direttore di Missione Leo J. O'Donovan e del direttore esecutivo David Robinson in rappresentanza del JRS Stati Uniti. (JRS USA)

Washington DC, 18 settembre 2017 - La settimana scorsa, l'Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi ha conferito al Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati Stati Uniti il Premio Anna Frank. Il premio viene assegnato a persona o organizzazione americana che abbia dato prova di impegno concreto nel combattere intolleranza, antisemitismo, razzismo e ogni forma di discriminazione, difendendo al contempo i valori della libertà e della parità di diritti.

L'onorificenza è stata riconosciuta al JRS per il suo lavoro in favore di un più ampio accesso all'educazione dei rifugiati e di persone che abbiano risentito in modo particolare di guerre e conflitti. Il JRS si pone al servizio di famiglie e bambini attraverso programmi tradizionali di scuola dell'infanzia, scuola primaria, secondaria e di terzo livello, oltre a cercare di facilitare l'accesso di ragazzi, giovani e adulti rifugiati a programmi di formazione professionale e attitudinale formali e informali. I programmi educativi del JRS prevedono anche iniziative di importanza non secondaria, come programmi complementari per genitori e famiglie degli studenti, di formazione per insegnanti e corsi di lingua. Attualmente il JRS fornisce servizi educativi in 42 paesi, provvedendo all'educazione di rifugiati e sfollati indipendentemente dalla loro razza, origine etnica o credo religioso.

Il senatore Patrick Leahy (Distretto del Vermont) ha inaugurato la cerimonia affermando la doverosità di "lottare, far sentire la propria voce in favore dei rifugiati" e ringraziando il JRS Stati Uniti per la sua attività in questo senso. L'ambasciatore Henne Schuwer, che ha consegnato personalmente il premio, ha osservato che, in quanto lei stessa rifugiata, Anna Frank aveva compreso il grande valore dell'educazione in un'ottica di speranza per il futuro.

La consegna del premio al nostro direttore di Missione, p. Leo O'Donovan in rappresentanza del JRS Stati Uniti, è stata accompagnata da un preambolo del segretario di Stato americano Madeleine Albright. Nell'occasione, p. O'Donovan ha citato un passaggio del Diario di Anna Frank: “Ognuno di noi ha dentro di sé una buona notizia. Ed è che non si sa quanto grandi si può essere! Quanto si può amare! Che cosa si può realizzare! E quale sarà il nostro potenziale!”

“Questo è, a mio vedere, il messaggio di Anna Frank, rifugiata, ai rifugiati di oggi in tutto il mondo – ‘i nostri rifugiati'’”, ha soggiunto p. O'Donovan. “La cura del JRS per l'educazione è un'espressione della nostra missione, quella di riconoscere sempre la dignità di ciascuna persona; vale a dire, come Anna ha espresso con tanta chiarezza, di riconoscere la nostra personale 'buona notizia’”.

Siamo molto onorati nell'accettare questo premio, e ringraziamo con gratitudine l'Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi per averci riconosciuti nel messaggio e nel nome di Anna Frank.

Come segno di gratitudine per questo onore, il JRS Stati Uniti è fiero di annunciare un concorso di monografie organizzato in collaborazione con l'Ambasciata dei Paesi Bassi, la Rete delle scuole dei gesuiti, e la rivista America Media.





Press Contact Information