Questo sito Web utilizza i seguenti tipi di cookies: di navigazione/sessione, analytics, di funzionalità e di terze parti. Facendo click su "Maggiori Informazioni" verrà visualizzata l'informativa estesa sui tipi di cookies utilizzati e sarà possibile scegliere se autorizzarli durante la navigazione sul sito.
MAGGIORI INFORMAZIONI
x

Mondo: Pubblicato dall'IDMC il Rapporto Annuale 2018 sulla situazione degli sfollati interni
21 maggio 2018

A quanto riferisce il rapporto, lo scorso anno nella RDC si sono contati 2,2 milioni di sfollati. La provincia del Nord Kivi ospita circa il 26% degli IDP di questo paese. (Sergi Camara/Entreculturas)

Ginevra, 21 maggio 2018 – Il 16 maggio l'Internal Displacement Monitoring Centre ha pubblicato a Londra il Rapporto globale 2018 sulla situazione degli sfollati interni. Il Rapporto fa presente che a fine 2017 il numero degli sfollati in 143 paesi del mondo raggiungeva quota 30,6 milioni. In linea di massima, causa primaria del nuovo sfollamento in Asia e nelle Americhe sono state le calamità naturali, mentre in Africa e nel Medio Oriente era da attribuirsi a situazioni di conflitto.

Le calamità naturali erano alla base della maggior parte (61%) dei casi mondiali di nuovo sfollamento. Nella totalità, 18,8 milioni di persone sono state sfollate da alluvioni, uragani, terremoti o eruzioni vulcaniche. Nell'insieme, Cina, Filippine, Cuba, Stati Uniti e India hanno totalizzato nel 2017 oltre 1.000.000 di sfollati a causa di calamità naturali. 

Nel 2017, i conflitti bellici sono stati causa di sfollamento per 11,8 milioni di persone, cifra superiore del 71% a quella dei nuovi sfollati da conflitti registrata nel 2016. Siria, Repubblica Democratica del Congo (RDC) e Iraq hanno totalizzato nel 2017 ciascuno oltre 1.000.000 di nuovi sfollati causati da conflitti bellici; va ricordato che la cifra si riferisce esclusivamente ai nuovi sfollati. Dove si tratta di situazioni di sfollamento interno protratto nel tempo per motivi bellici, il numero delle persone sfollate esclusivamente da questa causa sale a 48,5 milioni.

Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS) lavora con gli sfollati determinati dai conflitti di Siria, Iraq, Repubblica Centroafricana e RDC. Quest'anno il JRS ha in progetto di iniziare a lavorare anche con gli sfollati interni causati da conflitto bellico in Nigeria.






Press Contact Information
Martina Bezzini
martina.bezzini@jrs.net