Questo sito Web utilizza i seguenti tipi di cookies: di navigazione/sessione, analytics, di funzionalità e di terze parti. Facendo click su "Maggiori Informazioni" verrà visualizzata l'informativa estesa sui tipi di cookies utilizzati e sarà possibile scegliere se autorizzarli durante la navigazione sul sito.
MAGGIORI INFORMAZIONI
x

Myanmar: Cresce il conflitto nello Stato Kachin
07 giugno 2018

Nuovi sfollamenti nel Kachin. (UNOCHA)

Bangkok, 7 giugno 2018 – Dall'inizio di quest'anno, in diverse parti dello Stato Kachin del Myanmar si è andato intensificando il conflitto tra l'Esercito birmano e il Kachin Indipendence Army (KIA).

Avendo subito pesanti bombardamenti di artiglieria e incursioni aeree da parte delle forze armate birmane, migliaia di civili – soprattutto donne e bambini – hanno abbandonato in fuga i loro villaggi.  Dall'Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (UNOCHA) si apprende che nel solo aprile di quest'anno sono state sfollate oltre 6.800 persone.

In totale, nei campi istituiti su tutto il territorio dello Stato Kachin, si contano oggi più di 100.000 sfollati interni (IDP).

Chiese locali, organizzazioni non profit, alcuni enti governativi, la Croce Rossa del Myanmar e donatori privati continuano a rispondere all'arrivo di sempre nuovi sfollati offrendo cibo e sistemazioni alloggiative. Le donne in stato di gravidanza, i bambini e gli anziani sono tra le persone più vulnerabili.

I genitori fuggiti con i propri figli si preoccupano per la loro istruzione, perché non è chiaro se ai bambini sfollati sarà consentito frequentare le scuole di stato nell'attuale luogo di residenza.

In queste ultime settimane, i partner del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS) nel Myanmar sono stati di grande aiuto nell'accompagnare gli IDP in luoghi sicuri, organizzare varie attività per i bambini, fare visita alle famiglie da poco arrivate nei campi. Il JRS ha collaborato inoltre alla valutazione delle necessità più immediate nelle aree con maggiore presenza di sfollati, tenendo in particolare conto le esigenze educative.

Prima della ripresa delle ostilità, il JRS affiancava le organizzazioni partner che operavano nel Kachin offrendo servizi educativi nei campi per sfollati. In pratica si faceva carico delle tasse scolastiche degli studenti, forniva materiale didattico, provvedeva agli stipendi degli insegnanti e alla loro formazione. Nel 2017 sono stati formati più di 70 insegnanti per impartire istruzione di qualità a circa 3.400 studenti attraverso collaboratori sostenuti dal JRS.





Press Contact Information
Martina Bezzini
martina.bezzini@jrs.net