Questo sito Web utilizza i seguenti tipi di cookies: di navigazione/sessione, analytics, di funzionalità e di terze parti. Facendo click su "Maggiori Informazioni" verrà visualizzata l'informativa estesa sui tipi di cookies utilizzati e sarà possibile scegliere se autorizzarli durante la navigazione sul sito.
MAGGIORI INFORMAZIONI
x

Mondo: Auguri per un felice ‘Id al-Fitr
15 giugno 2018

In vista dell'Iftar al Centro FVDL, le donne del centro sociale del JRS hanno realizzato a mano lanterne decorative per il Ramadan da usare durante la festa. (JRS)

Roma, 15 giugno 2018 – In occasione della festa di 'Id al-Fitr, che segna la fine del mese di Ramadan, il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS) si unisce ai nostri amici musulmani nel ringraziare l'Altissimo per tutte le benedizioni che questo tempo sacro ha portato con sé. Come da tradizione, durante Ramadan i giorni di digiuno e le notti di preghiera hanno offerto ai musulmani l’occasione di accrescere la gratitudine per i doni di Dio, e condividerli con i poveri.

Nel suo messaggio per la 51a Giornata Mondiale della Pace 2018, Papa Francesco parla dei rifugiati e dei migranti come di "uomini e donne in cerca di pace". Tuttavia l'arrivo e la presenza di rifugiati comporta spesso situazioni di conflitto e discordia: in diversi luoghi, anziché trovare pace, essi si scontrano con manifestazioni di xenofobia, rifiuto, discriminazione.

Papa Francesco ci ricorda che la dottrina sociale della Chiesa ci invita a riconoscere che l'umanità intera altro non è che un'unica famiglia, e che i rifugiati e migranti in cerca di salvezza e protezione, così come le comunità ospitanti che li accolgono, "hanno lo stesso diritto di godere dei beni della terra".
Solidarietà e condivisione poggiano proprio sul principio fondante della terra intesa come casa comune.

Il saluto più consueto che i musulmani scambiano nell'incontrare chiunque, è "Assalamu 'alaykum", "La pace sia con te". Ed è di questa pace in azione che il JRS è costantemente testimone di fronte a innumerevoli atti di generosità e sacrificio compiuti da singole persone e da comunità che accolgono i rifugiati nelle proprie case, condividono ciò che hanno, e rifiutano di dare ascolto alle voci ingannevoli della paura e dell'odio che invitano a voltare le spalle a queste loro sorelle e fratelli.

In Libano, durante il Ramadan gli studenti siriani rifugiati e i loro genitori si sono riuniti per consumare insiene un Iftar presso il JRS, al Frans van der Lugt Centre di Bourj Hammoud. All'evento hanno partecipato anche famiglie irachene di fede cristiana che hanno portato, come gesto di pace e solidarietà, del biryani fatto in casa perché la comunità musulmana potesse festeggiare.

Mandiamo a tutti i nostri amici musulmani i nostri calorosi auguri di un felice 'Id. Possa il Dio misericordioso con tutti, e compassionevole con ciascuno, portare pace a tutti noi.

Assalamu ‘alykum.

- P. Aloysious Mowe SJ, direttore dell'advocacy e della comunicazione





Press Contact Information
Martina Bezzini
martina.bezzini@jrs.net