I progetti nei Asia del Pacifico


Asia del Pacifico
Trent'anni dopo la fondazione del JRS Asia del Pacifico, il lavoro si è esteso fino ad assistere migranti forzati in sette diversi Paesi: Australia, Cambogia, Indonesia, Papua Nuova Guinea, Filippine, Singapore, Timor Est e Tailandia, per un totale di oltre 310mila beneficiari*.

Nel 1981, l'allora Padre Generale della Compagnia di Gesù, Pedro Arrupe SJ, ha indetto una riunione a Bangkok per sviluppare il JRS Asia del Pacifico. Aveva infatti visto in prima persona i bisogni dei rifugiati in Tailandia. Comprendendo che serviva un intervento di emergenza, creò un team locale di gesuiti e laici per iniziare il lavoro. Dalla risposta di emergenza a una crisi, il lavoro del JRS presto si è trasformato in un impegno a lungo termine.

Inizialmente, i rifugiati avevano la prospettiva di vivere nei campi molto a lungo e c'era una probabilità maggiore di essere destinati al reinsediamento in Paesi terzi. Trovavano un'accoglienza molto peggiore nei Paesi di primo asilo. Così, il JRS ha iniziato ad aiutare questi rifugiati a prepararsi a un futuro incerto, offrendo servizi educativi e culturali e incoraggiandoli a partecipare nei processi che avrebbero potuto determinare il loro futuro: un approccio che avrebbe caratterizzato i futuri interventi del JRS.

Oggi, il focus principale del JRS è ancora l'offerta di servizi educativi, ma l'organizzazione cerca anche di evitare che i più vulnerabili soccombano alle difficoltà. Questo ha portato il JRS a agire in casi di catastrofi naturali e migrazioni di massa, aiutando quelli lasciati indietro dagli altri, e porta avanti il suo sforzo di ricostruire la normalità attraverso l’offerta di formazione professionale, materiali e piccoli contributi economici, e promuovendo il protagonismo delle donne.

Questo cambio di focus è stato accelerato dalla crescente urbanizzazione dei rifugiati, che ha fatto sì che molti di loro vivano in povertà, privi di accesso ai servizi essenziali. Per loro il JRS organizza gruppi di supporto, servizi di accompagnamento psico-sociale e assistenza legale, mettendo i rifugiati in contatto con altre organizzazioni che offrono servizi, quando è necessario. Con così poco supporto nelle aree urbane, il JRS si concentra nell’accompagnamento dei rifugiati nella procedura d’asilo e nelle difficoltà di quelli che sono chiusi nei centri di detenzione.

In Australia e Tailandia, il JRS accompagna rifugiati e richiedenti asilo nei centri di detenzione, offrendo assistenza medica, assistenza legale e distribuzione di generi alimentari. Servizi educativi sono offerti a migranti di Burma e a rifugiati in Tailandia, mentre servizi di educazione per gli adulti e formazione professionale sono attivi in tutta la regione.

Nelle Filippine e a Timor Est, il JRS ha lavorato con sfollati interni in seguito al conflitto, offrendo assistenza durante la loro permanenza nei campi e adesso che cercano di reinserirsi nelle comunità.

In Indonesia, il JRS lavora in un contesto di post-conflitto e emergenza umanitaria. Dopo la strage dovuta allo tsunami del 2004 e ai conseguenti accordi di pace a Aceh, finita la fase della prima emergenza, il JRS inizia o offrire alle comunità servizi educativi, laboratori sulla risoluzione dei conflitti e sulla riconciliazione e assistenza sulle procedure di allarme tempestivo in caso di catastrofe naturale.

*Questo dato include accesso a distribuzione di generi alimentari, aiuti materiali e assistenza medica offerti a 200 mila persone nei centri di detenzione di Mae Sot e Bangkok.


Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati
Office of International Communications

martina.bezzini@jrs.net
http://en.jrs.net

Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS) è un'organizzazione internazionale cattolica con la missione di accompagnare, servire e difendere i diritti dei rifugiati e di altri migranti forzati. Il JRS svolge servizi a livello nazionale e regionale, con il supporto di un ufficio internazionale a Roma. Fondato nel novembre 1980 come opera della Compagnia di Gesù, il JRS è stato ufficialmente registrato come fondazione presso lo Stato Città del Vaticano il 19 marzo 2000.

I programmi del JRS si svolgono in 51 Paesi e offrono assistenza a: rifugiati nei campi profughi e nelle aree urbane, singolo sfollati interni, richiedenti asilo nelle città e nei centri di detenzione. Le principali aree di azione sono l'educazione, l'assistenza in situazioni di emergenza, i servizi sanitari, le attività di produzione di reddito e i servizi sociali. Alla fine del 2013, i beneficiari diretti dei progetti del JRS erano quasi 950.000.

Mondo: Pubblicato dall'IDMC il Rapporto Annuale 2018 sulla situazione degli sfollati interni

Ginevra, 21 maggio 2018 – Il 16 maggio l'Internal Displacement Monitoring Centre ha pubblicato a Londra il Rapporto globale 2018 sulla situazione degli sfollati interni. Il Rapporto fa presente che a fine 2017 il numero degli sfollati in 143 paesi del mondo raggiungeva quota 30,6 milioni.  >>>

America Latina: Organizzazioni della società civile chiedono un accordo regionale per una migliore protezione dei migranti venezuelani

Santo Domingo, 16 maggio 2018 – L'11 maggio 2018, organizzazioni della società civile, tra cui il JRS LAC e il JRS Colombia, hanno avuto un incontro con la Commissione interamericana dei diritti umani. >>>

Asia del Pacifico: Il JRS dà il benvenuto al nuovo Direttore regionale

Bangkok, 27 aprile 2018 – Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS) è lieto di annunciare la nomina di Louie Bacomo alla carica di nuovo direttore regionale per l'Asia del Pacifico. Bacomo assumerà l'incarico il 1° giugno 2018, a conclusione del mandato p. Bambang A. Sipayung SJ. >>>

Mondo: Gaudete et Exsultate – Sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo

Roma, 13 aprile 2018 – Il JRS saluta la pubblicazione dell'Esortazione apostolica di Papa Francesco Gaudete et Exsultate, "Rallegratevi ed esultate", in cui il Pontefice ci sollecita a gioire e rallegrarci perché Gesù ci ha chiamati tutti a essere santi, a essere uomini e donne di Dio, uomini e donne per gli altri. >>>

Mondo: Messaggio pasquale del JRS

Roma, 1 aprile 2018 – In occasione di questa Pasqua preghiamo che la pietra dell’odio e della paura possa rotolare via dai nostri cuori affinché si riaccenda la speranza nelle comunità afflitte dalla violenza, e tra coloro che sono sempre stati solo rifiutati e d esclusi. >>>






Australia
Cambogia
Indonesia

Singapore
Thailandia
Etiopia
Kenya
Sud Sudan
Uganda
Belgio

Francia
Germania


Irlanda
Italia
Macedonia
Malta
Portogallo
Romania
Slovenia
Svezia
Regno Unito
Colombia
Ecuador
Venezuela

Giordania
Libano
Siria
Turchia
Afghanistan
India
Nepal
Sri Lanka
Angola
Malawi
Sudafrica
Zimbabwe
Canada
Stati Uniti
Camerun
Repubblica Centrafricana
Ciad