I progetti nei Angola


Angola



Africa Meridionale
Regional Office

tim.smith@jrs.net
+27 11 618 3404
http://www.jrssaf.org

Il JRS Africa Meridionale è una delle 10 aree geografiche del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati, un'organizzazione internazionale cattolica promossa dalla Compagnia di Gesù. L'ufficio regionale in Africa Meridionale assiste rifugiati e sfollati interni in Angola, Malawi, Repubblica Democratica del Congo, Sudafrica e Zimbabwe.  I servizi comprendono: istruzione, servizi sanitari, supporto psicologico e assistenza nelle emergenze.  In Angola, oltre alle attività in favore dei rifugiati, il progetto prevede formazione sulla legislazione in materia d'asilo per le autorità governative, tra cui polizia, funzionari dell'immigrazione e leader locali. Nella Repubblica Democratica del Congo, il JRS sta costruendo e restaurando edifici scolastici, aggiornando le competenze degli insegnanti e sostenendo il reiserimento sociale dei bambini attraverso attività sportive. In Malawi e in Sudafrica, il JRS offre servizi educativi che vanno dalla scuola dell'infanzia ai corsi professionali per adulti. In Zimbabwe, il JRS fornisce assistenza materiale ai più vulnerabili, ma anche una biblioteca e opportunità culturali.

Angola: si risponde alla situazione di emergenza

Dundo, 8 giugno 2017 – Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati e l'UNHCR stanno intervenendo in risposta alla situazione di emergenza che si è determinata nella provincia angolana del Lunda Norte, prestando sostegno a migliaia di congolesi in fuga dalle violenze in atto nella regione del Kasai, Repubblica Democratica del Congo. >>>

Angola: migliaia di rifugiati dalla RDC hanno urgente bisogno di assistenza

Dundo, 17 maggio 2017 – "La situazione qui è disperata, urgentissima. Migliaia di congolesi stanno scappando dalla Repubblica Democratica del Congo e cercano rifugio nel vicino Angola", riferisce Tim Smith, direttore regionale del JRS Africa Meridionale, al suo rientro dall'Angola nordorientale.  >>>

Malawi: Salama Africa valorizza i giovani rifugiati

Dzaleka, 5 maggio 2017 – Alain e Toussaint condividono con entusiasmo storie e risate mentre parlano di Salama Africa, un'organizzazione che hanno contribuito a fondare e che ha il fine di valorizzare i giovani del campo rifugiati di Dzaleka, nel Malawi. Hanno infatti dato vita a un gruppo di danzatori di fama nazionale, a squadre di calcio, e istituito diversi corsi di materie artistiche che contribuiscono a tenere impegnati sul piano intellettivo e fisico i bambini e i ragazzi rifugiati. >>>

Australia: non solo politiche rigide di chiusura delle frontiere

Sydney, 25 febbraio 2016 – "La presenza di rifugiati e richiedenti asilo nelle aree urbane diventerà una delle sfide più importanti dei prossimi anni, insieme alla questione del dialogo interreligioso, strettamente legata ad essa," dice p. Bambang A Sipayung SJ, direttore del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS) Asia-Pacifico. >>>

Angola: le vittime di violenza sessuale si riprendono i loro diritti

Lunda Norte Province, Angola, 28 ottobre 2015 – Maria Jose Mambole, una rifugiata della Repubblica Democratica del Congo (RDC), parla della violenza sessuale a un gruppo di 30 donne. Nonostante la povertà e la xenofobia che queste donne già affrontano per la loro condizione di rifugiate, hanno anche il peso di un ulteriore svantaggio a causa del fatto di essere donne. Insieme, hanno deciso di impegnarsi per promuovere un cambiamento. >>>






Australia
Cambogia
Indonesia

Singapore
Thailandia
Etiopia
Kenya
Sud Sudan
Uganda
Belgio

Francia
Germania


Irlanda
Italia
Macedonia
Malta
Portogallo
Romania
Slovenia
Svezia
Regno Unito
Colombia
Ecuador
Venezuela

Giordania
Libano
Siria
Turchia
Afghanistan
India
Nepal
Sri Lanka
Angola
Malawi
Sudafrica
Zimbabwe
Canada
Stati Uniti
Camerun
Repubblica Centrafricana
Ciad